Editors in UNIX...

Esistono molti editor, ne vedremo solo 3:

vi

nedit

emacs


vi

E' l'unico editor che è disponibile sempre su qualunque sistema UNIX.

Non è grafico.

vi ha due modi di funzionamento:

command mode

input mode


COMMAND MODE

In questo modo si eseguono i comandi che consentono di inserire e cancellare testo, salvare il file, uscire, modificare parametri di funzionamento, ecc.

E' possibile muoversi all'interno del file con i tasti freccia. Una volta posizionati nel punto opportuno è possibile:


INSERT MODE

Si entra in insert mode con uno dei comandi di inserimento testo (i, a, ...). Per uscire e tornare al command mode premere ESC.

La lista dei comandi qui esposta è un breve manuale di sopravvivenza per vi.

Ricordiamo che, pur essendo vi un editor molto potente, la sua scelta è essenzialmente legata al fatto di essere disponibile in qualsiasi ambiente UNIX, pubblico o proprietario, completamente configurato o in condizioni minimali. Per un system manager ciò è vitale, mentre l'utente medio può essere più interessato ad un editore visuale quali nedit e/o emacs.


nedit

è grafico è semplice da usare è gratuito e facile da installare (ftp.fnal.gov/pub/nedit/...)

In conseguenza del comando nedit viene aperta una finestra contenente il testo specificato e dotata di diverse opzioni di menù:

La filosofia di principio è la consueta WYSYWIG (What You See Is What You Get). E' possibile, usando unicamente i tasti ed il mouse: Poiché si tratta di un editor "language sensitive", è possibile configurarlo per evidenziare specifici elementi del linguaggio tramite fonti differenti e colori opportuni (variabili, linee di commento, parole chiave ecc...) (queste caratteristiche sono disponibili anche in emacs).